Estratto: Guida pratica ispezioni termografiche nell’edilizia

Introduzione

Il cambiamento climatico e la crescente domanda di energia in un momento in cui le fonti energetiche fossili stanno diventando sempre più scarse rappresentano una delle principali sfide globali. Poiché una quota rilevante delle emissioni proviene dal settore edile, in quest’ambito sono necessari sforzi eccezionali per raggiungere gli obiettivi climatici concordati a livello internazionale.

Gran parte dell’energia per il riscaldamento va persa a causa di pareti, tetti e finestre scarsamente isolati. Un isolamento efficace, quindi, non solo fa risparmiare sui costi ma protegge anche l’ambiente attraverso emissioni inferiori di CO2. Le ispezioni termografiche si sono affermate come metodo per controllare le condizioni effettive degli edifici e i potenziali risparmi energetici. È così possibile individuare i punti deboli nascosti e i difetti di esecuzione in modo non distruttivo e determinarne le cause.

Ispezioni termografiche edifici

Condizioni e requisiti per le ispezioni termografiche all’aperto

Per un’ispezione termografica ottimale dell’involucro di un edificio occorre prestare attenzione ai seguenti requisiti: 

  • Per poter eseguire correttamente le ispezioni termografiche all’aperto, il tempo deve essere asciutto e con basse temperature.
  • La facciata dell’edificio non deve essere inumidita dalle precipitazioni – le ispezioni termografiche all’aperto non possono essere effettuate in presenza di pioggia, neve o nebbia fitta.
  • La velocità dell’aria deve essere inferiore a 5 m/s (18 km/h).
  • Il presupposto è una differenza di temperatura di almeno 10-15 °C tra l’interno e l’esterno per un periodo di almeno 12 ore.
Ispezioni termografiche edifici

Ispezioni termografiche edifici
  • L’ispezione si svolge solitamente nelle stagioni fredde al mattino prima che sorga il sole – questo perché i raggi del sole sulla superficie esterna, anche nelle ore precedenti, falsano i risultati.
  • Un’eccezione sono le ispezioni termografiche nei depositi refrigerati dove è presente la necessaria differenza di temperatura, anche se al contrario, e che sono quindi svolte nelle stagioni più calde.
  • Un’altra eccezione sono le ispezioni termografiche sugli edifici a graticcio, che in genere vengono effettuate nel semestre estivo, sfruttando il diverso comportamento di riscaldamento e raffreddamento dei materiali. In quest’ambito, le ispezioni termografiche sono eseguite idealmente due ore dopo il tramonto.

Questo era soltanto un piccolo estratto. Volete saperne di più?
Richiedete adesso la guida pratica completa.

Help

8fbef0c4e735e1c85f9c6d7a86ec175ebde0e778
Conferma
Bozza trovata
Bozza trovata
Bozze trovate
[Existing form data found]
Il modulo è stato inviato
Elenco dei messaggi di convalida del modulo
Non è stato possibile completare questa azione
Confermazione

Vi troverete i seguenti contenuti:

  • Potenziali di risparmio energetico: impulsi per il settore edile, i proprietari di case e la climatizzazione
  • Le ispezioni termografiche come efficiente strumento di misura nell’edilizia
  • Condizioni e requisiti
  • Riepilogo
  • I vantaggi di un investimento
  • Caratteristiche tecniche delle termocamere 
  • Termocamere testo 871, testo 872, testo 871, testo 875i e testo 885
Scaricate la guida pratica ispezioni termografiche