Saggio di lettura: Data logger - l’alternativa efficiente ai termoigrografi.

 

 

 

Un po’ di storia: i termoigrografi.

Per molti decenni i termoigrografi sono stati la prima scelta quando si trattava di documentare le condizioni climatiche all’interno dei musei. Semplici nella tecnica e facili da usare, non richiedevano molti studi per essere usati e manutenuti dal personale museale. Durante i periodici giri di controllo, bastava dare una veloce occhiata al tamburo per capire se le condizioni climatiche erano in ordine. Un vantaggio che può però trasformarsi rapidamente in uno svantaggio. Infatti, i termoigrografi cono relativamente grandi e quindi vistosi, motivo per cui in molti musei non di rado vengono scambiati per un’opera d’arte. Inoltre richiedono molta manutenzione. La carta del tamburo rotante deve essere regolarmente cambiata: a seconda delle impostazioni ogni giorno, ogni settimana o al massimo ogni mese. Inoltre anche le batterie del sistema a orologeria e del pennino devono essere periodicamente sostituite.

Per una documentazione a lungo termine, le singole cartine diagrammate del termoigrografo devono poi essere opportunamente archiviate. A causa di questa periodica necessità di manutenzione e delle loro dimensioni, i termoigrografi non possono essere utilizzati ovunque. Ad es. non all’interno di una vetrina. E a causa della loro sensibilità agli urti e al cambiamento di posizione, non sono assolutamente indicati per il monitoraggio durante il trasporto. E infine sono svantaggiosi anche dal punto di vista dei costi. A causa della manutenzione che richiedono questi strumenti, i costi annuali per ciascun punto di misura sono piuttosto alti, anche se l’alto prezzo di acquisto può essere ammortizzato in più anni grazie alla loro lunga durata.

Termoigrografo

Requisiti dei data logger nei musei

Anche a causa degli evidenti svantaggi che portano con sé i termoigrografi, dagli anni ‘90 vengono impiegati sempre più spesso i data logger per monitorare le condizioni climatiche nei musei. E dopo tutti questi anni si potrebbe pensare che nel frattempo sul mercato esista un’ampia scelta di perfetti data logger appositamente sviluppati per i musei. Ma purtroppo non è così. Da un lato, perché questi strumenti vengono di norma sviluppati avendo in mente applicazioni completamente diverse e quindi spesso utilizzati nei musei in modo “alternativo”. Dall’altro, perché non esiste una tipica applicazione museale. Infatti, all’interno di un museo i requisiti posti a un data logger sono estremamente variabili.

Nelle sale di esposizione

Data logger nelle sale di esposizione

Qui gli strumenti non devono dare nell’occhio, devono potersi fissare in modo sicuro e permettere, attraverso un display, un controllo permanente del clima dell’ambiente. Grazie a quest’ultima caratteristica assumono completamente la funzione di un termoigrografo. Quando le sale di esposizione rispondono a severi requisiti artistici e architettonici, in uno scenario ideale gli strumenti devono addirittura essere “invisibili”. Da questo punto di vista, i data logger “alternativi” raggiungono i loro limiti: molti di essi non sono assolutamente adatti per integrarsi in un ambiente museale, a causa del loro design tecnico.

Nelle vetrine

Data logger nella vetrina

In questo caso viene data la massima priorità alla discrezione. Inoltre le vetrine spesso non possono essere aperte neanche per svolgere i normali lavori di manutenzione sul data logger, come ad es. cambiare le batterie o leggere la memoria. Qui possono tuttavia essere utilizzate piccole sonde esterne montate all’interno della vetrina, mentre il data logger rimane “nascosto” nello zoccolo. In alternativa, presupponendo una sufficiente autonomia delle batterie, il data logger può essere letto anche via radio.

Nel deposito

Data logger in un deposito

Per il monitoraggio dei depositi in cui sono immagazzinate le opere d’arte di norma i data logger non devono rispondere a speciali requisiti in materia di design, spesso però i depositi si trovano fuori mano e non sempre è presente qualcuno in grado di controllare le condizioni climatiche. Anche la lettura periodica della memoria dello strumento può rivelarsi piuttosto costosa. Per evitare inutili viaggi verso il deposito, la soluzione migliore sarebbe poter disporre di una lettura a distanza.

Questo era solo un breve estratto. Vuoi continuare a leggere? Allora richiedi subito la guida tecnica completa. Basta 1 minuto per accedere a questi capitoli:

Contenuto della guida tecnica

  1. Un po’ di storia: i termoigrografi
  2. Requisiti dei data logger nei musei 
  3. I data logger misurano in modo diverso: il digitale prende il posto dell’analogico
  4. I data logger misurano in modo diverso: precisione
  5. I data logger possono fare di più: ulteriori parametri
  6. I data logger possono fare di più: allarmi
  7. Come faccio ad accedere ai dati?
  8. Quali sistemi operativi e quali software devo avere?
  9. Quanta memoria mi serve?
  10. Quale autonomia raggiungono le batterie di un data logger?
  11. La portata del segnale radio è sufficiente per il mio museo?
Rapporto peritale sui data logger all’interno di musei e archivi

Richiedi qui

Help

Campo obbligatorio o valore errato
Accettazione della privacy:Campo obbligatorio o valore errato
* Obbligatorio

trued9ca7d28666e17c324ac29e9b3daaacdf42a5cbb
Conferma
Bozza trovata
Bozza trovata
Bozze trovate
[Existing form data found]
Il modulo è stato inviato
Elenco dei messaggi di convalida del modulo
Non è stato possibile completare questa azione
Confermazione